Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Liverani: “Abbiamo regalato due gol alla Roma”

Le parole del tecnico del Lecce nel post-partita

Fabio Liverani, allenatore del Lecce, ha parlato a Sky Sport dopo la sconfitta per 4-0 contro la Roma:

La corsa salvezza?
Non sono d’accordo che siamo solo noi e le genoane.

La partita?
“La Roma è una squadra di qualità e categoria superiore. Noi oggi abbiamo fatto dei buoni regali agli avversari. Ci sta subire a Roma, non ci sta che regaliamo due gol come abbiamo fatto. Abbiamo preso gol su errori nostri in fase di possesso. Avrei voluto soffrire, difendere ma non perdere 4-0. La Roma ha una qualità infinita, è come se ti fai il bagno nel fango quando c’è uno squalo”.

Qual è il motivo di questa insufficiente fase offensiva?
“Nel primo tempo abbiamo avuto qualche occasione. Credo che le situazioni ci fossero. E’ normale che venire all’Olimpico e pensare di avere 10 occasioni da gol non è pensabile. Gli episodi cambiano le partite. Una squadra come la Roma che trova il doppio vantaggio e tu non sfrutti le occasioni diventa quasi impari”.

Vi siete montati la testa?
“Eravamo dati per spacciati da tutti, abbiamo dei difetti e dei pregi. Oggi abbiamo tirato fuori troppi difetti e pochi pregi”.

Nei contrasti eravate meno decisi. Eravate lontani dagli avversari, hai detto “Non riguarda solo le due genoane”.
“Mi riferivo a quelle due dietro e poi anche a qualcuna davanti. Saremo in 7-8 squadre”.

Arrivano due squadre che si giocano tanto nelle prossime due…
“Ragioniamo partita per partita, abbiamo ancora 15 punti e lavoriamo per arrivarci il prima possibile. Dimentichiamo le sconfitte come le vittorie”.

Pubblico fantastico.
“Speriamo di regalargli quello che si sono meritati per tutta la stagione. Prepariamo le prossime partite che abbiamo in casa, proibitive, ma il calcio ci ha regalato tanti sogni”.

Adesso quando vai in pullman che fai?
“Sono abbastanza equilibrato, riesco a staccarmi sia nelle vittorie sia nelle sconfitte”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News