Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Soumahoro: “La Roma deve preoccuparsi, il Gent in casa si trasforma. All’Olimpico risultato bugiardo” (AUDIO)

Parla l’ex calciatore del club belga

Yaya Soumahoro, 129 partite con la maglia del Gent nella sua carriera, ha parlato della sfida di giovedì sera ai microfoni di Tele Radio Stereo:

Che ricordi ha della stagione del titolo? Che emozioni le suscita il Gent a distanza di anni?
“Ho degli ottimi ricordi, eravamo un gruppo molto solido. Avevamo anche un allenatore bravissimo, Vanhaezerbrouck, che ha costruito e gestito alla grande quella rosa”.

Rispetto a quella squadra, il Gent di oggi è più forte?
“Rispetto al passato, il Gent di oggi sembra essere progredito, è più solido, è più evoluto da un punto di vista tecnico, tattico e mentale. L’esperienza acquisita dalla rosa e anche dalla tifoseria sta portando ad ottenere ottimi risultati”.

Ha visto la gara d’andata? Che idea si è fatto?
“Certo, ho guardato la partita e credo che il risultato sia stato bugiardo. La Roma si deve preoccupare nel match di ritorno, perché in casa il Gent si trasforma”.

La Ghelamco Arena è davvero così determinante?
“Con tutto il rispetto per la Roma, il Gent in casa è un’altra squadra. Lì c’è un ambiente caldo che può sorprendere anche un club di tradizione come i giallorossi”.

Ha parlato con qualcuno dei suoi ex compagni? Cosa le hanno detto sul match dell’Olimpico?
“Ci sono ancora Kums e Depoitre, che costituiscono la spina dorsale della squadra. Il Gent dal punto di vista del gioco è evoluto tanto, lo ripeto”.

Lei è ivoriano come Gervinho: grazie alla sua presenza, hai mai seguito con simpatia la squadra giallorossa?
“Gervinho è un giocatore che ammiriamo tanto in Costa d’Avorio, è un giocatore apprezzato da tutto il mondo africano. Ovviamente ho cominciato a seguire di più la Roma perché c’era lui. Ora, ad esempio, sto vedendo molte partite del Parma… Per noi ivoriani lui è un punto di riferimento, un grande giocatore”.

Il suo futuro?
“Sono ancora legato al Gent, sono un ambasciatore all’estero del club. E’ una bellissima esperienza, ringrazio la società che mi sta facendo crescere”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News