Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Roma Femminile

Bavagnoli: “Contenta per l’obiettivo raggiunto. Complimenti alle ragazze”

Le parole dell’allenatrice della Roma Femminile dopo il passaggio del turno

Elisabetta Bavagnoli, allenatrice della Roma Femminile, ha parlato a Roma TV al termine della vittoria per 4-0 contro il San Marino Academy, che ha regalato alle giallorosse il passaggio alle semifinali di Coppa Italia Femminile. Di seguito le sue dichiarazioni.

Obiettivo raggiunto. Primo tempo bloccato, poi grande secondo tempo…
“Sì, sono contenta per l’obiettivo raggiunto. Complimenti alle ragazze. Nel primo tempo avevo chiesto di avere lo stesso atteggiamento e la stessa filosofia di gioco che abbiamo avuto nella ripresa, ma non è avvenuto. Ci stavamo complicando la vita. Nell’intervallo ho detto di entrare in campo con la nostra mentalità, come sappiamo giocare”.

Ha sperimentato molto in questa partita, che indicazioni ha avuto?
“Sono contenta per l’impegno e la prestazione delle ragazze. Forse poteva non essere semplice inizialmente, posso accettare che qualche meccanismo non sia stato fluido, come di solito. Però penso che ci siamo complicate la vita da sole con molti lanci lunghi con una difesa avversaria schierata, invece che giocare palla a terra”.

Ora la sosta. Fiorentina e Milan dovranno recuperare 2 partite, può incidere?
“Non so se potrà incidere, per le squadre che non hanno giocato potrebbe diventare un problema. Noi approfittiamo della sosta per recuperare energie, poi ci rimetteremo al lavoro per la ripresa del campionato. Per noi sono fondamentali tutte le gare, cercheremo di conquistare il massimo sia in campionato sia in Coppa Italia”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Roma Femminile