Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La moglie di Nainggolan: “Amo Roma, mi ha salvato la vita”

Parla la consorte dell’ex numero 4 giallorosso

Claudia Lai, moglie di Nainggolan, ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport in vista di Cagliari-Roma. Ecco uno stralcio delle sue parole:

Arriva la “vostra” partita.
“Vero, confermo. Tutti sanno che di calcio non capisco un granché, ma a Roma ho conosciuto tante persone, sono rimasta legata a tutti, è stata casa mia. Cito Amra Dzeko, una donna splendida”.

La Roma l’ha anche aiutata nel suo percorso di cure?
“Amo Roma, mi ha salvato la vita. In primis il dottor Del Vescovo (ex medico sociale del club giallorosso, ndr) che mi ha messo in contatto con il dottor Vincenzi del Campus Biomedico, dove ora sono seguita e coccolata”.

Dopo tre mesi dall’operazione, a luglio, con un post su Intagram, ha scelto di rendere pubblica la sua malattia. Come mai?
“Perché in un momento così delicato della mia vita mi sono resa conto di non essere stata abbastanza lucida per affrontare il problema. Avevo bisogno di confrontarmi con persone che avessero o stessero passando il mio stesso incubo per capire a cosa stessi andando incontro. Parlarne pubblicamente mi ha dato modo di conoscere virtualmente tante donne con il mio stesso problema, creare delle amicizie dove ci davamo forza l’una con l’altra. A mia volta sono diventata un aiuto per loro”.

Lei ha scelto, in questi mesi, di mettere all’asta delle maglie su Instagram per aiutare chi sta combattendo la sua stessa battaglia.
“Come nel 2012, ho voluto fare una raccolta fondi da donare all’oncoematologia pediatrica di Cagliari per l’acquisto di elementi sanitari e altro. A Natale ho portato dei doni ai bambini ricoverati e non di tutti i reparti e loro in cambio mi hanno regalato tanta voglia di combattere e vivere. Il modo migliore di raccogliere fondi è stato chiedere le magliette ai calciatori, molto sono stati sensibili alla mia richiesta, a qualcuno invece la questione non è interessata…”.

(Intervista a cura di Chiara Zucchelli)

22 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

22 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa