Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Friedkin pronto al passaggio di consegne. Forse già domani la firma sul preliminare

Vicine le firme del preliminare da parte di Friedkin

Houston, abbiamo la firma?. Domani dal pianeta Trigoria all’orbita americana sarà su per giù questo il contenuto delle telefonate. E’ attesa, infatti, la fine ufficiale della due diligence per l’acquisto della Roma da parte del magnate texano Dan Friedkin che può contare su un patrimonio stimato sui 4,1 miliardi di dollari. E di conseguenza la firma del contratto preliminare che segnerà il passaggio di consegne tra Pallotta e lo stesso Friedkin pronto a diventare il 24° presidente della storia romanista anche se sarà il figlio Ryan a seguire di persona a Roma la gestione del club. Il signing potrebbe avvenire domani a Houston alla presenza di Pallotta che non verrà a Roma per la conferenza stampa di addio ma rilascerà alcune dichiarazioni nei giorni a seguire. Per ragioni di quotazione in Borsa l’annuncio potrebbe slittare a lunedì. Un affare da 750 milioni compresi debiti.

Anche ieri i legali delle due parti si sono sentiti senza sosta. I passi tecnici successivi, che porteranno al closing definitivo, prevedono il via libera di Consob e Antitrust, il lancio dell’Opa e la convocazione dell’assemblea per le nomine del nuovo Consiglio di amministrazione, di cui farà parte Watts, il vice presidente della Friedkin Group. Tutto avverrà entro 60 giorni. Nel frattempo Friedkin allestirà la nuova squadra dirigenziale che potrà contare ancora sul Ceo Fienga. Nel ruolo di direttore generale (o tecnico) in arrivo un nome di carisma che potrebbe essere Capello mentre il ds Petrachiè in bilico. Tutto dipenderà dalla qualificazione in Champions. Sarà valutato anche il ritorno di Totti (difficile) mentre sarà studiata una partnership con la Ryder Cup in programma per la prima volta a Roma nel 2022. Direttore del progetto è l’ex dg Gianpaolo Montali, non è escluso un suo ritorno. Lo riporta “Leggo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa