Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Thorup: “Migliori in entrambe le partite. Sono orgoglioso della squadra”

Le parole del tecnico del Gent dopo il pareggio casalingo che ha portato all’eliminazione dalla competizione

Il tecnico del Gent, Jess Thorup, ha parlato dopo l’eliminazione dall’Europa League. Di seguito le sue parole.

 

Thorup in conferenza stampa

Sulla partita…
“Non so quali parole potrei trovare. Sono orgoglioso della squadra, durante queste due partite abbiamo messo una grossa pressione alla Roma, una squadra che non è stata abituata a vivere questo. Siamo riusciti come squadra a trovare delle opportunità e proporre il nostro gioco. Sono comunque anche molto deluso. Innanzitutto perché non avremmo mai pensato di arrivare fin qui, poi ci siamo riusciti ma il calcio significa che bisogna segnare e non l’abbiamo fatto. Oggi sapevamo che era necessario fare un altro gol e non ci siamo riusciti, e durante tutta la partita abbiamo provato a realizzare nonostante tutto alcune occasioni. A me dispiace per la squadra, comunque sono ventidue partite che non subiamo una sconfitta nel nostro stadio e dobbiamo usare questa fiducia per fare grandi cose l’anno prossimo”.

Quanto è stata importante la partita per la squadra? Come l’ha vista sviluppare il gioco?
“Siamo arrivati qui con una striscia di sei partite senza sconfitte, qualificandoci come primi del nostro gruppo. Dopo abbiamo trovato una squadra molto difficile come la Roma ma abbiamo comunque perso solo due volte in Europa. Tutto ciò è importante però perché ci ha permesso di crescere e torneremo più forti per realizzare altre cose”.

Pensa che il fatto che la Roma avesse più esperienza sia servito per la qualificazione?
“Penso che siamo stati migliori durante le due partite, ma la Roma ha dei giocatori che si trovano ai livelli più alti d’Europa e quindi al minimo errore loro sono riusciti a segnare. Penso che questo sia stato il nostro problema, avevamo delle opportunità ma non siamo riusciti a sfruttarle come dovevamo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News