Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Serie A riparte. Azzurri rifiutati

Al via il nuovo calendario. Azzurri “respinti” a Norimberga

Si riprende a giocare, ma a porte chiuse, almeno per il prossimo mese. E’ arrivato il nuovo calendiario della Serie A e tra domenica e lunedì si giocheranno gli incontri della 26esima giornata, mentre mercoledì 18 si recupereranno altri 3 match, dei 4, della 25esima. Resta da definire Inter-Sampdoria col calendiario nerazzurro che naviga a vista, anche perché i nerazzurri dovranno giocare anche la semifinale di Coppa Italiacontro il Napoli. Le altre giornate avranno uno “scivolamento“, quindi nel weekend del 14-15 marzo le partite della 27esima e così via.

Dopo ci sarà la sosta per le Nazionali con amichevoli e playoff per decidere le ultime partecipanti ad Euro2020. L’Italia ha ricevuto una porta in faccia dalla Germania, precisamente da Norimberga, dove gli Azzurri avrebbero dovuto giocare l’amichevole coi tedeschi il 31 marzo: “Sulla base delle informazioni che abbiamo allo stato attuale, la città di Norimberga è a favore di una disdetta della partita fra i due Paesi. Ci si aspetta infatti che molti fans verrebbero proprio dall’area a rischio del Nord-italia“. La notizia non ha ancora trovato conferma ufficiale. Anche in Europa porte chiuse: Valencia-Atalanta e Inter-Getafe non avranno spettatori, mentre c’è da stabilire la sorte per Barcellona-Napoli, Juventus-Lione e Siviglia-Roma.
Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa