Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Lotito e Agnelli, frecciate a distanza: “Viene prima la classifica della salute?”

Prima maglia

Ieri presidenti e dirigenti dei club di serie A, si sono nuovamente collegati per affrontare le questioni più urgenti, legate all’emergenza coronavirus.

Come già accaduto nei giorni scorsi, non è stato stabilito nulla e si ricollegheranno nuovamente lunedì, con la speranza che, attraverso un già atteso decreto del Governo, possano decidere senza la presenza fisica dei partecipanti.

Per la questione scudetto il piano sembra comunque ormai delineato: senza Europei infatti la Serie A   potrà anche riprendere a maggio. Poi, giocando ogni 3 giorni, entro fine giugno, si arriverà al completamento del campionato, con regolare assegnazione dello scudetto. 

La Lega, mercoledì scorso, aveva invitato le squadre a uno stop di 7 giorni. Ma il sindacato dei giocatori insiste per un’interruzione ancora più lunga. Il Milan si è già portato avanti, allungando la sua pausa fi no al 23 marzo. Altri club, però, non sono così disponibili.

Ad esempio la Lazio. Tanto che ieri è andato in scena un breve battibecco tra Agnelli e Lotito. Davanti all’insistenza del presidente biancoceleste, che sosteneva che allenamenti non fossero vietati, il numero uno bianconero ha risposto con una battuta: «Pensi più alla classifica che alla salute dei tuoi giocatori». Lotito ha provato, a sua volta, a replicare, ma le risate degli altri hanno finito per spegnere la tensione. Lo scrive ilcorrieredellosport.it.

17 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

17 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News