Resta in contatto

Rassegna Stampa

Pastore: «Ho voglia di tornare in Argentina»

Pastore

Il centrocampista punta al recupero in vista della possibile ripreda della Serie A. Ma non nega la voglia di tornare a giocare in patria un giorno

Javier Pastore punta la data del 3 maggio (possibile riavvio del campionato) per tornare a farsi vedere con la maglia della Roma. Considerato che l’ultima presenza (se si esclude il minuto giocato nel derby) risale al 10 novembre scorso il conteggio è presto fatto. Se tutto andrà bene dipende da due fattori, ovvero se il Coronavirus sarà alle spalle così come i periodi problemi fisici di Pastore alle prese con un edema osseo all’anca che gli ha causato disturbi pure ai tendini.

In una stagione e mezza El Flaco ha giocato appena 1515′ in maglia giallorossa a fronte dei 4 milioni e passa di ingaggio. Ieri l’argentino è tornato a parlare ai media argentini, ma ovviamente al momento i problemi sono altri. E sul dramma Coronavirus ha usato parole sagge: “Bisogna capire che è una cosa che va presa seriamente. Ci sono delle vite in gioco. Il club ci ha invitato tutti i materiali a casa, che siano biciclette o altro e quindi lavoriamo”. Che Pastore potrà sfruttare per provare a tornare utile alla causa di Fonseca. Con l’argentino in campo, infatti, il trend di qualità si fa sentire: 4 vittorie e 3 pareggi in 8 gare di campionato. Il futuro dell’ex Palermo è comunque lontano da Roma. “Prego Dio di poter tornare in Argentina un giorno”, ha detto alla tv Cadena3. Lo riporta Leggo.

17 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

17 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa