Resta in contatto

Rassegna Stampa

Kolarov: “Non sono ottimista, c’è poca disciplina”

Le parole del terzino serbo sulla situazione attuale in Italia, e su una possibile ripresa della Serie A

Kolarov in Italia ha passato sei anni e conosce gli italiani: “Mentalmente sono simili a noi serbi. Non riescono capire bene la prima volta“. Conosce soprattutto i calciatori della sua nazione come Jovic e Ninkovic che, secondo la stampa di Belgrado, sarebbero stati denunciati per aver violato l’obbligo di quarantena.

Ancora il terzino: “Molti non hanno preso sul serio la situazione. Tutti dovrebbero essere responsabili non solo di se stessi, ma anche delle altre persone. Qui a Roma l’hanno capito con calma, quando la situazione a Milano, Bergamo e Brescia ha iniziato a essere catastrofica. Ora le limitazioni sono molto severe e penso che lo saranno ancora di più perchè ci sono persone che non rispettano le misure scritte“.

Realista sulla ripresa della Serie A: “Il calcio non è una priorità in questo momento. E francamente non so come si possa ricominciare a maggio e finire entro il 30 giugno“. Lo scrive il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa