Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Rizzitelli: “E’ folle voler riprendere a giocare. Si riparta l’anno prossimo”

Le parole dell’ex giallorosso oggi opinionista di Roma TV

Ruggiero Rizzitelli, ex attaccante della Roma e oggi volto di Roma TV, ha rilasciato un’intervista a Il Romanista nella quale ha parlato dell’emergenza Coronavirus e della ripresa del calcio giocato:

Sono dei pazzi se pensano di concludere campionato e coppe“.

Ruggiero che effetto ti fa continuare a sentire e leggere che ci sono dirigenti che vorrebbero in ogni caso concludere questa stagione?
“Un effetto brutto. È un’autentica follia pensare di poter tornare a giocare tra un mese o due. In questo momento la priorità è la salute delle persone e tutti gli sforzi devono essere indirizzati a uscire da questa situazione il prima possibile”.

Ci sono presidenti di club calcistici che puntano a far riprendere gli allenamenti ai giocatori.
“Sono pazzi. Non si rendono conto di quello che dicono. In questo momento bisogna stare a casa, aiutare con il nostro sostegno medici, infermieri, lavoratori della sanità, poliziotti, trasportatori, addetti nei supermercati che stanno in prima linea per affrontare questo tsunami che rischia di travolgere tutto e tutti. Sarà dura, ma sono sicuro che l’Italia e gli italiani riusciranno a venirne fuori”.

Il palazzo calcio in questa vicenda come si è comportato?
“Credo un po’ a rilento. Ma non vuole essere un’accusa, nel senso che all’inizio non tutti si sono resi conti di quello che stava succedendo. Non era facile capire. È una situazione assolutamente inedita, non c’erano precedenti, non era facile prendere subito le decisioni giuste”.

In questo senso chi aveva capito tutto è stato Tommasi, il presidente del sindacato dei calciatori.
“Verissimo. Damiano lo ha gridato subito che bisognava fermare tutto. Non gli hanno dato retta immediatamente. E non gridava soltanto per difendere la categoria dei calciatori. Il suo pensiero andava a tutti quei tifosi che seguono la loro squadra in trasferta. Solo quest’ultimo aspetto doveva convincere a sospendere tutto con effetto immediato. Invece si è andati avanti troppo provando a immaginare partite a porte chiuse che poi non sono il calcio. Tommasi aveva capito subito, del resto non mi sorprende, prima da calciatore e adesso da dirigente ha sempre dimostrato di essere una persona intelligente e preparata”.

C’è qualcuno, al contrario, che non capisce e vuole che si riprenda il campionato.
“Per me è impossibile e mi auguro che sarà così. Questo è un campionato da annullare. Vero, è un problema, ma come ci stiamo rendendo conto, i problemi veri sono altri. Il calcio può aspettare”.

Riprendere, poi, vorrebbe dire comprimere anche la prossima di stagione.
«Si aggiungerebbe un problema a un problema. Non è concepibile. Annulliamo tutto e pensiamo a come poter strutturare la prossima stagione. Perché è chiaro che qualche problema, anche in questo senso, ci sarà».

A proposito di coppe europee, come hai valutato il comportamento dell’Uefa in questa vicenda?
“Sono stati lenti. Quando già era deflagrato il problema, ho visto giocare il Liverpool contro l’Atletico Madrid con Anfield gremito da sessantamila persone. È stata una follia. Dovevano chiudere tutto pure loro. Hanno provato a trovare una soluzione che non c’era. Il rischio è che ne paghino le conseguenze”.

Pensi che anche Champions ed Europa League non si concluderanno?
“Credo proprio di sì. Il problema che stiamo affrontando è enorme e ormai ha coinvolto tutta l’Europa che, oltretutto, è in ritardo rispetto a noi”.

Sei stato un calciatore, come ti poni di fronte al problema degli stipendi dei giocatori in questo periodo?
“Posso dire che se io fossi ancora in grado di giocare, non avrei nessun problema a rinunciare a uno-due mesi di stipendio, anche perché non stiamo parlando di buste paga da millecinquecento euro mensili. Credo che i calciatori lo faranno. Se non altro per un motivo”.

(QUI l’intervista completa a cura di Piero Torri)

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa