Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Le speranze d’Italia. Zaniolo ritrovato, Tonali, Donnarumma: il futuro sorride

L’universo calcistico azzurro ripartirà dai talenti di casa nostra

Il calcio italiano, anche grazie alla Nazionale di Mancini, sembra per la prima volta dopo tanti anni in crescita. Considerando solo i giovani nati entro il 1997, in effetti c’è da notare come ci sia un bel patrimonio da gestire. In porta c’è tanto talento con Donnarumma e Meret che si giocheranno il posto del futuro e Audero che segue a distanza. La qualità che sembra mancare qui è la maturità. In difesa invece il materiale non sembra all’altezza della tradizione, ad eccezione di Bastoni. A sinistra c’è la qualità di Luca Pellegrini, ma il buco è a destra, dove potrebbero giocarsi il posto Ghiglione, Depaoli o Adjapong.

Il centrocampo è invece il reparto migliore: Tonali, Barella, Castrovilli, Locatelli… più Zaniolo, che consideriamo comunque attaccante. Poi Mandragora e Pessina, probabilmente Cassata, ma in Serie B anche Pobega e Frattesi. I giovani centrocampisti italiani hanno un interessante mix di tecnica, fisico, letture, personalità, applicazione. In attaccoanche non manca il talento con Zaniolo, Chiesa, Orsolini, Kean, Pinamoni, Pellegri, Scamacca, Sottil. Quello che manca, forse, è un po’ di testa. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa