Resta in contatto

Prima Squadra

Kluivert videochiama i bambini malati di Coronavirus

L’olandese ha partecipato mercoledì a una videochiamata organizzata dalla Fondazione Gilat, che si occupa delle condizioni di bambini malati

Justin Kluivert sta, come tutti, seguendo scrupolosamente la quarantena imposta dal Governo italiano a causa dell’emergenza Coronavirus. Mercoledì l’olandese ha partecipato ad una videochiamata organizzata da Helden Magazine e dalla Fondazione Gilat, che si occupa dei bambini malati, che a causa del coronavirus non possono ricevere le visite dei propri familiari o dei propri amici e che quindi vivono con particolare disagio questa emergenza.

Kluivert si è collegato con i piccoli pazienti di otto diversi ospedali olandesi (alcuni di questi in cura nelle proprie case) e ha risposto alle loro domande: “La situazione a Roma ora è molto tranquilla, le strade sono vuote e in giro non c’è nessuno. Sono aperti praticamente solo supermercati e alimentari. In casa anche voi potete fare comunque degli esercizi per tenervi in forma: lavorare con gli addominali oppure facendo anche corsa sul posto. Tornare all’Ajax? Questa è una bella domanda (sorride, ndc). Non so cosa farò in futuro, al momento quello di tornare non è un pensiero che ho in testa, ma l’Ajax è nel mio cuore così come Amsterdam”. 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra