Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Villar: “Quando mi ha chiamato la Roma si è realizzato un sogno”

“Umiltà, lavoro e molta pazienza”

Gonzalo Villar, centrocampista della Roma arrivato lo scorso gennaio, ha risposto su Instagram alle domande di alcuni tifosi:

Chi ti ha stupito per qualità nella prima squadra del Valencia?
“Parejo, dal primo giorno”.

Un ritorno all’Elche prima del ritiro?
“Mi piacerebbe”.

Ti trovi bene a Roma?
“Molto”.

Cosa diresti a un ragazzo di 16 anni che gioca nella tua stessa posizione e vuole arrivare in alto?
“Umiltà, lavoro e molta pazienza”.

Il tuo idolo calcistico?
“Don Andrés (Iniesta, ndr)”.

Il miglior ricordo in carriera?
“Il debutto con la Roma e giocare per la Spagna”.

Quale sarebbe il finale di stagione perfetto?
“Giocare, entrare in Champions e che l’Elche arrivi ai playoff”.

Pensavi che questo potesse essere l’anno del tuo decollo?
“Dopo un anno negativo come quello che avevo avuto prima mi sono preparato per ribaltare la situazione e grazie a Dio è andato tutto bene”.

Come riesci a conciliare gli studi e la tua carriera di calciatore?
“Per me è molto importante continuare gli studi oltre che essere calciatore. C’è tempo per tutto”.

Cosa ne pensi dei tifosi della Roma?
“Sono molto grato per il supporto dei romanisti”.

Sei credente?
“Sì”.

Come ci si adatta a uno spogliatoio come quello della Roma?
“Pensavo sarebbe stato più difficile, invece sono tutti molto in gamba e l’hanno reso molto facile sia a me che a Carles (Perez, ndr)”.

Cosa hai pensato quando ti ha chiamato la Roma?
“Che si sarebbe realizzato il sogno da cui sono ossessionato da quando avevo 4 anni”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra