Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Perrotta: “A Roma l’umore della gente lo vivi quotidianamente e in ogni luogo”

Perrotta

“E’ una città senza mezze misure dove una settimana puoi vincere lo Scudetto, mentre quella successivi rischi di non andare nemmeno in Champions League”

Simone Perrotta, cresciuto nelle giovanili della Reggina, Campione del Mondo nel 2006 in Germania, hai microfoni ufficiali del club amaranto ha parlato dei suoi ricordi in amaranto, della Nazionale e del suo passato a Roma:

Il suo passato nella Reggina

“Ricordo con grandissimo piacere e sentimento quegli anni, anche se sono stati difficili. Io ho avuto la possibilità di realizzarlo un sogno, grazie a determinate cose che sono girate bene. Non basta avere talento, ma occorrono anche dinamiche favorevoli. Tutte queste situazioni le ho avute e sono stato bravo sfruttarle. Non ho avuto la fortuna di giocare con la maglia amaranto al Granillo, ma soltanto da avversario, e so cosa vuol dire giocare in quello stadio. Nell’impianto precedente la Reggina era comunque molto seguita, ma credo che l’impostazione attuale, con le tribune a ridosso del campo, abbia maggior peso”.

“Quand’ero a Reggio il centro sportivo aveva solo tre campi. Il primo era in terra battuta, ci allenavamo noi giovani. Il secondo era quello utlizzato da Allievi e Primavera.  L’ultimo era quello della prima squadra. Sognavo di scalare le categorie anno dopo anno, così è stato. Vivevamo in una foresteria che non era quella di ora, ma in una serie di abitazioni al Viale Quinto. Ho visto che il centro sportivo è cambiato, sono felice che i ragazzi possano avere la possibilità di stare in un posto confortevole.  Quelle sono le basi per creare una società forte”.

Il mondiale del 2006

“La notte di Berlino del 2006 ha segnato la storia del calcio italiano. All’inizio non ho pensato al passato, poi quando Cannavaro ha alzato la Coppa la mente è andata a ritroso: ho pensato a mio figlio, a mia moglie e alla mia famiglia. Una volta tornato in albergo ho ripensato a quanto Reggio è stata determinante per arrivare lì. Penso al presidente Foti, al ds Martino, agli allenatori Orlandi, Scopelliti e Loiacono. In campo va il talento, ma anche il mio essere persona dipeso da tutte queste persone”.

Il suo trascorso nella Roma

Non è facile giocare in una piazza come quella capitolina. Sono arrivato alla Roma a 27 anni, ho smesso che ne avevo 35, ho imparato a capirla col tempo. E’ una città senza mezze misure dove una settimana puoi vincere lo Scudetto, mentre quella successivi rischi di non andare nemmeno in Champions League. E l’umore della gente lo vivi ogni giorno e in ogni luogo, andando a fare la spesa ancora tutti si ricordano di te”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News