Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Diawara: “Roma sono pronto”

Il centrocampista giallorosso non vede l’ora di tornare a disposizione

A qualcuno lo stop è servito. Amadou Diawara ha potuto completare con calma il percorso di convalescenza e dal giorno 1 della ripresa potrà riprendere il lavoro da calciatore sano. A distanza di tre mesi dall’infortunio delloJuventus Stadium, è contento di aver scelto di non operarsi al ginocchio: “Non ho mai avuto dubbi in realtà – ha raccontato in una lunga intervista al sito della Roma –. Mentre a ottobre il ginocchio si era bloccato, stavolta l’ipotesi di una terapia conservativa era praticabile. E così ho deciso che fosse meglio evitare, perché l’intervento mi avrebbe obbligato a una lunga attesa prima di tornare in campo“.

Con il senno di poi, considerando lo stop per il Coronavirus, avrebbe recuperato in tempo lo stesso per il finale di stagione. L’importante è che ora possa mettersi a disposizione di Fonseca: “Sì, sto bene. Seguo il programma che ci manda il preparatore atletico e non ho più problemi. È stato brutto, frustrante, fermarsi proprio quando mi ero messo alle spalle l’infortunio. Adesso ovviamente ciò che più mi manca è la normalità, potermi allenare con i compagni, giocare a calcio“. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa