Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La squadra non può sfruttare l’arma Trigoria

La decisione di rinviare gli allenamenti di gruppo dal 4 al 18 maggio ha preso in contropiede il calcio italiano.

È chiaro che un ritardo sulla tabella di marcia, se da un lato allontana la ripresa del campionato, dall’altro cambia in corsa la programmazione atletica dei giocatori. Per questo motivo Nuno Romano ha iniziato a far lavorare i calciatori perlopiù sulla resistenza e sulla forza.

Un conto però è lavorare sulla cyclette, altro è potersi allenare in campo. Il rientro a Trigoria doveva rappresentare lo step per concentrarsi sulla brillantezza e la velocità. Questo rinvio cambia parzialmente le carte in tavola. Anche perché dentro la Roma c’è ancora la speranza che il Governo possa tornare sui suoi passi e permettere di allenarsi individualmente all’interno della struttura del club.

Il ragionamento è semplice: avendo sei campi, ci sarebbe lo spazio idoneo per garantire sedute individuali e la distanza di sicurezza, che nemmeno una corsa al parco avrebbe. Il Messaggero.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa