Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Rizzitelli: “La Roma è la mia vera fede”

“La gente mi ha amato perché ero un po’ scemo. Preferivo un recupero difensivo, una pacca sulla spalla di ringraziamento, che tirare e segnare”. 

In queste poche parole, Ruggero Rizzitelli spiega ciò che ha portato i tifosi della Roma a supportarlo, nonostante il suo rendimento sotto-porta non fosse dei migliori. Rizzitelli e la Roma, un legame che non si è mai definitivamente spento. L’ex attaccante lo ha raccontato in un’intervista, di seguito alcune delle sue dichiarazioni:

Rizzitelli, la sua generosità è nell’accoglienza che i romanisti le hanno riservato prima dell’ultimo derby.

Mamma mia. Tutti a urlare il mio nome, anche i ragazzini che non mi hanno mai visto giocare. Come facevo a trattenere le lacrime?

Prima di arrivare alla Roma, c’è stata anche un’ipotesi Juventus.

Sì, l’estate in cui andai alla Roma. Partii per gli Europei 1988, sempre in Germania, certo di andare alla Juventus. Un giorno mi telefona il presidente Lugaresi: “Guarda che ti ho venduto”. Rispondo ok, mi preparo per la Juve. “Ma quale Juve, vai alla Roma”. Viola si era svenato pur di battere Boniperti sul mercato.

Si è mai pentito?

Nemmeno per un secondo. Come spiegavo prima, io mi sentivo già romanista. Non esistono solo i trofei nella vita. C’è chi crede nella Chiesa, io credo nella Roma.

17 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

17 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa