Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

La Lazio se ne infischia del decreto: subito partitella a Formello!

Il club biancoceleste viola il protocollo degli allenamenti individuali

Piccoli gruppi e lavoro con la palla a Formello. Inzaghi con la mascherina dirige e arbitra. Ma a stonare è la violazione del protocollo di sicurezza imposto ai club di Serie A. Si, perché il club biancoceleste, nascosto da una rete verde, si porta già avanti: partitelle in sfide 3 contro 3, violando così la regola degli allenamenti individuali.

Sono le 11.20 quando Simone Inzaghi, con il volto coperto dalla mascherina, dà il via alla parte più intensa dell’allenamento, ovvero la partitella, vietata dalle norme attuali. Si finisce, dice l’allenatore, con un “tre tocchi e gol di prima“. Da qualche giorno, per cercare di proteggere l’attività da sguardi indiscreti, è stata aggiunta un’ulteriore rete verde a protezione del campo Fersini, ma serve fino a un certo punto. Tra le piante, agli osservatori è tutto evidente.

Non cambia il discorso nel turno del pomeriggio, a parte i giocatori ovviamente: stretching, tiri contro la traversa e mezz’ora di partitella, dalle 15.40 in poi. Stavolta a dirigerla ci sono i collaboratori di Inzaghi, c’è Parolo che grida e Immobile che impreca perché non vuole proprio perdere: «Questo è gol, dai». In attesa del 18 maggio e della ripresa degli allenamenti collettivi, la Lazio si è portata avanti con il lavoro. Lo scrive Il Corriere della Sera.

 

 

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa