Resta in contatto

Rassegna Stampa

Le allusioni di Lotito e i numeri della Lazio. E’ la società di A con più rigori a favore e meno contro

Prima maglia

Fanno discutere le allusioni del presidente della Lazio, Claudio Lotito, su Juventus-Inter. La Procura federale sta valutando gli estremi per un deferimento, ma l’idea di un complotto anti-Lazio per frenare la corsa scudetto serpeggia da mesi

Prima dello stop al campionato, ad esempio, il portavoce biancoceleste Arturo Diaconale scriveva su Facebook: «La paura è che il campionato in corso faccia la fine di quello interrotto dallo scoppio della Grande Guerra nel 1915 e che come allora l’interruzione divenne l’occasione per negare alla Lazio il riconoscimento di uno scudetto conquistato sul campo. (…) Non sarà facile imbrogliare il presidente Lotito».

Timori e accuse che stridono con alcuni numeri ed episodi: se ad esempio si prendono in esame i calci di rigore, la Lazio è la società ad averne avuti di più a favore (14). Genoa, Lecce e Roma sono seconde con 9 rigori, la Juventus è a quota 8. Il primato della Lazio è anche nei rigori subiti: solo 3, come l’Inter. La Juve ne ha subiti 8.

Non solo i rigori, ma anche alcune valutazioni che hanno fatto arrabbiare gli avversari dei biancocelesti: all’8a giornata, il 19 ottobre, Lazio-Atalanta termina 3-3 dopo un recupero della squadra di Inzaghi che nel primo tempo era sotto di tre reti, un punto acciuffato anche grazie a due rigori concessi dall’arbitro Rocchi per due falli su Immobile. In Lazio-Juve, il 7 dicembre, a tenere banco sono gli errori dell’arbitro Fabbri. 

Il 16 dicembre a Cagliari è il giorno del maxirecupero di 7 minuti e 30” dell’arbitro Maresca: la Lazio, sotto di un gol, pareggia al 94’ e rimonta 2-1 all’ultimo istante. Nel derby contro la Roma, alla 21esima giornata, al 49′ Kluivert va giù in area di rigore dopo un contatto con Patric. Calvarese indica il dischetto, salvo poi cambiare idea al Var. E ancora: 19 febbraio, 23esima giornata, la Lazio al “Tardini” vince 1-0, l’arbitro Di Bello nega due rigori al Parma. Lo scrive La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa