Resta in contatto

Rassegna Stampa

Lo sconto di Friedkin, i dubbi di Pallotta. E la Roma non può attendere

Stallo nella vendita della Roma, ma la situazione del club giallorosso non permette di aspettare oltre

Tre offerte ricevute da Friedkin, nessuna risposta. E ora Pallotta, che ha perso l’appoggio dei suoi soci, deve ricapitalizzare da solo o vender i pezzi migliori. A marzo, con la vendita della Roma a un passo, l’epidemia di Covid-19 ha allarmato Dan Friedkin, che ha sgonfiato l’offerta iniziale facendola scendere a 595 milioni. Proposta a cui Pallotta non ha mai risposto. E’ allora che i soci del presidente giallorosso, alla richiesta di immettere altra liquidità, rifiutano e lasciano il tycoon di Boston solo. I revisori iniziano a temere il peggio.

Il Decreto Liquidità del Governo Conte permette di rinviare tutte le scadenze al 31 dicembre, dando ossigeno alla Roma, e Friedkin, vedendo le “apette” giallorosse girare per la città per aiutare le categoria più deboli, torna con prepotenza alla carica per acquisire la società. “Se Pallotta vuole vendere a valori diversi, noi ci siamo“. L’attuale proprietario giallorosso chiede 550 milioni (510 più 40 di aumento di capitale). Friedkin si ferma al 60%, ma Pallotta non ci sente. Ecco allora l’all-in: 490 milioni accompagnati da 85 di ricapitalizzazione, più riserve per altri 20 per un ulteriore finanziamento, per un esborso totale di 595 milioni. Ancora una volta, però, Pallotta non risponde. E il 26 maggio, da Houston, fanno sapere che Friedkin si arrende.

Ci sono diverse ragioni che spiegano lo stallo di Pallotta, che ogni volta che potrebbe cedere, decide invece di restare: innanzitutto la visibilità internazionale. Poi probabilmente per non essere esposto alle critiche dei soci per aver venduto al ribasso. Ultimo, e forse più importante, l‘affaire Stadio della Roma: l’impianto può offrire un’occasione di rilancio. A giugno però il bilancio sarà in rosso per oltre 100 milioni e per evitare il collasso Pallotta dovrà immettere soldi per riportare il capitale sociale nei limiti legali o vendere i calciatori, ovviamente al ribasso.

Pallotta potrebbe anche cercare un nuovo socio. Il presidente giallorosso starebbe trattando con Joseph DaGrosa, ex proprietario del Bordeaux. Ma pare che sia nato un movimento intorno al presidente del Coni Malagò… Lo scrive Repubblica.it.

 

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa