Resta in contatto

News

Boniek: “Non ho ben capito la scelta di allontanare Petrachi”

L’x giallorosso torna sulla questione del direttore sportivo Petrachi: “Mi ha lasciato un po’ così. La Roma ha ancora molto da giocarsi”

Zibì Boniek torna a parlare. L’ex calciatore giallorosso e attuale presidente della Federcalcio polacca è infatti intervenuto a Centro Suono Sport, dicendo la sua sulla sospensione di Petrachi e sul prossimo futuro della Roma. Queste le sue dichiarazioni:

“La notizia dell’allontanamento di Petrachi mi ha lasciato un po’ così. La Roma ha ancora molto da giocarsi: il posto in Champions e poi l’Europa League. Giocare la parte finale delle coppe europee solo in tre-quattro stadi di una nazione non è male: questa scelta è stata dettata dalle necessità, ma potrebbe essere anche una soluzione per il futuro”.

Boniek ha poi aggiunto: “La Juventus mi dà l’impressione di essere un po’ appagata rispetto agli altri anni. Non vedo la voglia di giocare e la superiorità dimostrata negli ultimi anni, ma resta sempre una squadra difficile da battere. L’Inter è una bella squadra, però quando vedo i nerazzurri penso ad un pugile che inizia i primi tre round alla grande e poi cala nella ripresa: l’Inter entra in campo come se dovesse fare 7-8 gol, poi però cala drammaticamente. Detto questo, Conte ha fatto un ottimo lavoro”.

Spazio anche ai ricordi: “Il calcio è cambiato moltissimo rispetto ai miei tempi. Io ho firmato il mio contratto con la Roma a metà stagione dopo una chiamata di Viola, a Torino rimasero tutti un po’ stupiti da questa mia scelta, ma lì avevo finito il mio ciclo. Con quella Roma avremmo potuto vincere lo scudetto anche l’anno dopo”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News