Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Diritti tv, la Serie A deve decidere se fare la rivoluzione

Oggi assemblea di Lega calda

Che ressa a centrocampo, la Serie A torna ad essere un bocconcino appetitoso. C’era il rischio concreto che il nostro calcio perdesse il valore nei giorni cupi del lockdown, quando il futuro era incerto e i diritti tv erano in pericolo. La mancata rata versata da Sky, il decreto ingiuntivo chiesto dai club, lo spettro di un bando per il triennio 2021-2024 al ribasso disegnavano un panorama denso di dubbi. La vittoria del presidente della Lega Serie A Paolo Dal Pino è stata quella di aver attirato attorno al pallone i più importanti fondi di private equity del mondo.

Nell’assemblea che andrà in scena oggi in un hotel milanese, la Lega di Serie A si trova davanti a un bivio cruciale per le proprie ambizioni di accorciare il gap con il resto d’Europa. Lunedì all’advisor Lazard sono arrivate le proposte di sei fondi: Cvc, Bain ed Advent, tutti in corsa per creare con la Confindustria del pallone una media company partecipandovi con una quota minoritaria non superiore al 15%. È la via auspicata da Dal Pino, affiancato dai grandi club (Juventus, Inter, Milan, Roma, Torino). L’obiettivo dei fondi è incidere in maniera determinante sui mercati che contano. Servono però risorse e strutture.

Ad esempio, in Spagna 500 persone lavorano per vendere le licenze della Liga, in Italia sono 40-50. La strategia di Cvc è quella di creare un sistema in grado di sopravvivere ai grandi cambiamenti del sistema tv e incrementare i ricavi. La piattaforma per avviare un sistema di abbonamenti in streaming (per il triennio 2024-2027) sarebbe già in casa. La condivisione del potere però non piace a tutti. Aurelio De Laurentiis ad esempio pensa che si debba aprire ai fondi solo in qualità di finanziatori. A Lotito e alle società medio-piccole piace l’idea di una partnership industriale (con Wanda Infront o Mediapro ad esempio) per la realizzazione del canale. Lo scrive il Corriere della Sera.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa