Resta in contatto
Sito appartenente al Network

News

Julio Baptista: “Zaniolo mi ha impressionato. La mia esperienza alla Roma fu stupenda”

“Per Spalletti sarei andato in guerra”

Julio Baptista, doppio ex, attaccante di Siviglia-Roma, ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport alla vigilia del match di Europa League.

Questo uno stralcio delle sue dichiarazioni: “L’assenza di Gudelij si farà sentire, ma Suso e Ocampos sono leader, soprattutto il secondo. la Roma dovrà stare attenta e limitarlo, altrimenti saranno dolori. Occhio anche ai centrali Diego Carlos e Koundè, difficile superarli. Il Siviglia può vincere l’Europa League”.

Segue ancora la Roma?
“Sì, Zaniolo mi ha impressionato. Di Totti ce n’è solo uno, ma Nicolò ha il talento del campione”.

Su Monchi?
“Non capisco come la Roma lo abbia mandato via così in fretta. Lui è uno che programma, non fa solo plusvalenze. Doveva restare, meritava più tempo. Non si può stare nelle mani dei tifosi, per i risultati serve tempo, una visione e Monchi aveva tutto. La semifinale di Champions è stata un’impresa, impossibile che sia stata già dimenticata”.

Sul periodo alla Roma:
“È stato stupendo, grazie alla Roma ho giocato il Mondiale del 2010. I tifosi mi ricordano sempre il gol nel derby e la rovesciata di Torino. Per Spalletti sarei andato in guerra. Ranieri, invece, mi mancò di rispetto. Fui messo in panchina ma senza mai una spiegazione. Non è stato sincero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da News