Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Villar: “Il Siviglia è una grande squadra e questa è la loro competizione, ma noi siamo la Roma”

Parla il giovane centrocampista spagnolo in vista della gara di Europa League contro gli andalusi

Gonzalo Villar è carico in vista della sfida di Europa League contro il Siviglia, in programma oggi alle 18:55 a Duisburg, che garantirà alla vincente un posto nelle Final Eight della competizione europea. Il centrocampista spagnolo ha parlato a Marca a poche ore dall’importante match contro gli andalusi. Ecco le sue parole…

Il bilancio della tua stagione?

“Quando finirà la stagione, farò il punto, ma non posso lamentarmi. Quando ho iniziato la stagione nessuno mi conosceva e sei mesi dopo sono alla Roma. Sono entrato nella selezione U21 e sono stato un giocatore chiave nel club della mia vita, l’Elche. È stato un anno difficile. Una quarantena fatta solo in Italia, ma una stagione fantastica”.

Hai vissuto la quarantena da solo in Italia

“È stato difficile. Una situazione nuovissima. Grazie alla mia famiglia e ai miei amici trascorrere il tempo è diventato più divertente. È stata lunga, senza uscire, allenarsi senza palla. Mi ha fatto maturare. Queste situazioni devono aiutarti a crescere”.

Com’è stato giocare contro la Juve?

“Giocare Juventus-Roma, nello stadio della Juve, con i giocatori c’erano … E’stato incredibile. Il mio primo grande match in Italia, ho giocato bene, mi sono sentito a mio agio”.

Come ti trovi con Fonseca?

“Paulo ha mostrato molta fiducia in me e ha manifestato il  suo interesse per me anche durante le trattative. Adoro la sua proposta di gioco. si adatta molto al mio modo di giocare. Muovere la palla da dietro e peressing in fase di non possesso. Mi dà tranquillità. Si fida di me. Spero di guadagnare importanza nella squadra”.

Ti vedi alla Roma anche l’anno prossimo?

“Non penso a nient’altro che essere qui l’anno prossimo. Voglio stare qui e penso di esserne in grado, di essere una parte importante della squadra. Il mio obiettivo è essere un giocatore chiave ed essere importante in questa città”.

Ora c’è l’Europa League

“Siamo in un momento molto positivo. Veniamo da otto partite senza perdere. Siamo molto preparati, abbiamo molto rispetto per i nostri avversari e siamo ansiosi di affrontare questa competizione breve ma entusiasmante”.

Ora c’è il Siviglia

“È una squadra con un’energia incredibile. I suoi esterni scattano continuamente. Hanno Ocampos e Banega, che per me è un riferimento. E’ una grande squadra, l’Europa League è la loro competizione, ma noi siamo la Roma, siamo una grande squadra e siamo in un ottimo momento. Dobbiamo giocare come sappiamo”.

Cosa ti ha detto Fonseca? Potete battere il Siviglia?

“Sono cose da spogliatoio (ride, ndr). Stiamo preparando a fondo l’incontro. Confidiamo che faremo una grande partita e saremo in grado di superare il turno”.

Sarebbe stato meglio giocare a marzo o adesso?

“Non lo si può sapere. È come è stato e nella vita: devi affrontare le cose come vengono. Non può davvero esserci un momento migliore, ora la squadra sta bene. Siamo felici”.

È un vantaggio che sia una gara secca?

“La verità è che non c’è una favorita. In una Siviglia-Roma, tutto può succedere”.

Il Siviglia ha riposato di più, ma voi arrivate da un periodo molto positivo. Per voi è meglio o peggio giocare subito dopo la fine del campionato?

“Ci sono vantaggi e svantaggi. Hanno avuto il tempo di riposarsi mentalmente e di stare con le loro famiglie, il che è positivo. Ma noi arriviamo ​​con più ritmo, questo è certo. Speriamo che questo sia un fattore chiave”.

Cosa ne pensi dei cambiamenti del calcio post covid?

“I cooling break sono necessari, è impossibile giocare a queste temperature. Dall’interno del campo si soffre. Per quanto riguarda i cinque cambi, è una cosa che può tornare utile. È vero che il gioco rallenta, nel bene e nel male. Secondo me è positivo”.

Vi mancherà Smalling?

“È un giocatore che è stato essenziale per noi. È stato un ottimo amico, è una persona eccezionale. È vero che sentiremo la sua assenza, ma abbiamo un’ampia rosa, con altri giocatori in grado di giocare a livelli altissimi”.

 Il Siviglia ha avuto un caso Covid. Ti fidi delle misure della UEFA e dell’organizzazione dell’evento?
“Siamo calmi. Ieri abbiamo superato i test UEFA anti Covid e sono piuttosto rigorosi. Penso che saremo tutti al sicuro”.

Se potessi togliere un calciatore per il Siviglia?

“Vorrei togliergli Banega, per il centrocampo di una squadra è essenziale. Ocampos sarebbe la mia seconda opzione, è un animale”.

L’Europa League può essere il vostro lasciapassare per la Champions?

“Pensiamo partita per partita. Il nostro obiettivo, ovviamente, è cercare di vincere questa competizione. Siamo la Roma e sarebbe un grande successo per il club e per i tifosi”.

Chi sono le favorite?

“La primo è fondamentale è il Siviglia, dovremmo stare attenti. Il Manchester United è una grande squadra e il Wolverhampton, che potrebbe essere il nostro possibile rivale … ci sono grandi squadre”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra