Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Rosa da snellire: almeno 12 gli esuberi, con obiettivo 100 milioni di plusvalenze

Tanti gli indesiderati presenti in rosa

Cambia la proprietà, non mutano le priorità. Che per la Roma, targata Pallotta o Friedkin, almeno per questo post-stagione sono sempre le stesse: cedere. Dodici, forse anche di più, gli elementi che il club vorrebbe vendere. Il lavoro di Fonseca, o chi per lui, alla ripresa degli allenamenti, non sarà facile. Perché iniziare una stagione, lavorando con più della metà dei calciatori che non rientrano nei piani, non è il massimo. Tra l’altro, se comprare non sarà facile, vendere nel mercato post-Covid potrebbe rivelarsi ancora più difficile. Due esempi sono Bianda e Fuzato, che dovranno partire in prestito. Altri due potrebbero essere Spinazzola e Pau Lopez, che però pesano ancora a bilancio 24,1 e 20,6 milioni.

Capitolo a parte merita Pastore, che ieri si è operato all’anca sinistra e rimarrà fuori almeno un mese e mezzo. Il suo futuro è un punto interrogativo, ma il suo ingaggio da 4,5 milioni pesa. Schick risulta a bilancio ancora con 19,2 milioni e su di lui ci sono il Milan e dei club di Bundes. Poi Karsdorp, Perotti, Florenzi, Bruno Peres, Juan Jesus e Fazio, ai quali vanno aggiunti i due che la Roma ha deciso di sacrificare, ovvero Under e Kluivert, completano la lista dei partenti. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa