Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Rosella Sensi: “A Trigoria ora si vedrà un presidente”

“Il futuro si deve sempre costruire”

Rosella Sensi, ex presidente della Roma, è stata intervistata dal quotidiano ed ha parlato dell’imminente passaggio da Pallotta a Friedkin. Queste le sue parole a Il Messaggero:

Il 18 agosto del 2011 lasciò la Roma agli americani. Oggi si cambia ancora: il proprietario, ma non la provenienza. Ripenserà al suo addio?

Si, mi viene per forza in mente. Scelta dolorosa, ma obbligata. E’ come se mi avessero strappato un pezzo di cuore. E ogni volta che ne parlo, ho davanti  l’immagine di Francesco.

Si riferisce all’uscita di scena, un anno fa, di Totti?

Si, andai a salutarlo di persona al CONI quel giorno. Io ho capito subito che cosa ha provato, essendoci passata. La Roma è stata la nostra famiglia. La mia e la sua.

La gestione Pallotta, senza vittorie, ha dunque rivalutato la sua?

La storia non si cancella. Il futuro, invece, si deve sempre costruire. I veri tifosi della Roma, comunque, non hanno mai svalutato il lavoro dei Sensi.

Che cosa si aspetta da Friedkin?

Ha già garantito la sua presenza, almeno questo avrebbe assicurato. E vedrete che farà la differenza. I Friedkin già sanno quanto è grande il valore della tifoseria.

Crede che la nuova proprietà, ereditando una situazione a rischio fallimento, faticherà a far riprendere quota alla roma?

Bisogna avere pazienza. Chi entra è chiamato a ricostruire. E serve tempo. Facciamoli lavorare in pace.

5 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

5 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa