Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Roma, missione da brividi: c’è una squadra da vendere

Il mercato in uscita è la priorità del club

A Trigoria c’è una squadra di troppo. Fonseca dovrà fare i conti con una rosa ancora più ampia rispetto a quella che ha terminato la stagione. L’unico volto nuovo sarà quello di Pedro. Per il resto saranno facce già viste che non dovrebbero rimanere più di troppo a Trigoria. La società, almeno nelle intenzioni, punta a liberarsi di ingaggi pesante e sfoltire la rosa. Ieri è arrivata l’ufficialità della partenza di Cetin, Zappacosta e Kalinic sono tornati nei rispettivi club, mentre Smalling aveva salutato tutti prima dell’Europa League. Sono rientrati già da un po’ Olsen, Florenzi, Karsdorp, Coric e Antonucci, mentre Schick è ancora in vacanza. Proprio dalle loro cessioni, oltre che da quelle di Kluivert e Under, la Roma spera di ricavare un tesoretto di una sessantina di milioni di euro da investire sul mercato, più il risparmio degli ingaggi.

A questi ci sono da aggiungere 40 milioni circa messi a disposizione della società più i 13 guadagnati dalle cessioni di Defrel e Gonalons. L’unico ad avere un buon mercato, oltre Schick, è Florenzi. Con lui la Roma realizzerà una plusvalenza totale e risparmierà anche 5,3 milioni, il peso del suo ingaggio. Piace all’Everton, ma potrebbe finire in più scambi compreso quello che Fienga potrebbe mettere in piedi con la Juventus: uno tra Romero e Rugani. Olsen piace al Bayer e il costo del cartellino dovrebbe aggirarsi sui 6-7 milioni. Karsdorp potrebbe ricongiungersi con Monchi al Siviglia. Il terzino piace anche a Schalke 04 e Southampton. Lo scrive “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa