Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pedro, la pancia non è piena: “Qui per vincere ancora”

Lo spagnolo si presenta ai microfoni di Roma Tv

Dopo mesi di attesa, con un intesa tra le parti trovata già a marzo, è arrivata l’ufficialità: Pedro è un nuovo giocatore della Roma. Lo spagnolo, ufficialmente, rappresenta il primo colpo dell’era Friedkin, anche se per tempistiche sarebbe più giusto definirlo l’ultimo dell’era Pallotta. Arriva con un bagaglio pesante, riempito dai 25 trofei che ha vinto tra club e nazionale nella sua carriera, ma la sua intenzione è quella di arricchire la bacheca personale, aggiungendo qualche traguardo in giallorosso. Queste le sue parole: “Quando arrivi in un nuovo club vuoi vincere ancora. Capisco che sia difficile, ma questo è lo scopo. La mia ambizione è sempre molto alta, voglio vincere con la Roma. Lo ritengo possibile e capisco che rappresenti una grande sfida per la squadra”.

Poi sulla rosa e sui compagni: “È un gruppo che cresce, in pochi anni può farlo ancora. Per questo sono venuto qui. Ho parlato anche con Fonseca, un bravo allenatore. Mi ha spiegato che per me sarebbe stato un buon momento per arrivare in questa squadra, per provare a conquistare qualcosa di speciale. Ripeto, è difficile, ma non impossibile. Ci sono così tanti bravi giocatori qui, dal grande potenziale e questo è un altro motivo per cui sono venuto”. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa