Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Aquilani: “Devo tanto a Spalletti. De Rossi ha tutto per allenare, non mi aspettavo Totti fuori dalla Roma”

Le parole dell’ex centrocampista giallorosso e attuale tecnico della Fiorentina Primavera

Alberto Aquilani, ex calciatore, tra le altre, della Roma e attuale allenatore della Fiorentina Primavera, ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport:

Perché ha deciso di fare l’allenatore?
“Era già nella mia testa negli ultimi anni da calciatore. Anche la scelta dei posti dove andare a giocare dipendeva da questo. Il Portogallo mi ha formato molto e conoscere culture diverse mi ha aiutato tanto, stessa cosa in Spagna. Negli ultimi tre anni di carriera mi preparavo per questo mio nuovo ruolo”.

Qual è il tecnico che l’ha influenzata di più?
“Jorge Jesus. In Portogallo ho incontrato questo allenatore che aveva dei metodi nuovi che io non avevo mai visto in Italia. Mi ha affascinato il suo modo di lavorare ed è stato molto stimolante”.

Ha avuto tanti allenatori importanti nella sua carriera: cosa l’ha colpita di Spalletti ai tempi della Roma?
“I cinque anni con lui sono stati i più importanti della mia carriera. Mi ha insegnato tante cose. Abbiamo vinto giocando un calcio splendido, devo molto a Spalletti per la mia crescita da giocatore”.

Passiamo a Montella e al ciclo Fiorentina?
“Con Vincenzo ho avuto un rapporto particolare, abbiamo giocato insieme alla Roma per molto tempo. Con lui abbiamo fatto tre anni incredibili giocando un ottimo calcio. Eravamo un gruppo molto forte e di grande qualità. Mi sono trovato bene con lui. Credeva in me e utilizzava un sistema di gioco che risaltava le mie qualità”.

La scelta della Juve di puntare su Pirlo è un rischio?
“Andrea è stato un calciatore immenso. Ed è un ragazzo serio e ha grande personalità. Non sarà un rischio il suo debutto da allenatore su una panchina importante come quella della Juve. Gli auguro di fare il meglio possibile”.

Cosa consiglierebbe al suo amico Daniele De Rossi? Pure lui vuole allenare.
“Daniele è stato anche lui un giocatore straordinario. Ha tutto quello che serve per fare l’allenatore”.

Sorpreso che Totti invece abbia scelto di diventare un manager-procuratore?
“No, mi ha sorpreso di più vederlo fuori dalla Roma. Farà bene anche in questo ruolo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa