Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Zaniolo, il rinnovo è in cassaforte

Mourinho

Nell’agenda della nuova proprietà il rinnovo del talento giallorosso

Nicolò Zaniolo sempre più nel progetto della Roma. L’agente del giovane azzurro incontrerà Fienga tra un mese, al termine della sessione di mercato che si apre oggi. Le parti sono d’accordo per il rinnovo e l’adeguamento del contratto, con scadenza nel 2025 e ingaggio intorno ai 3 milioni. La Roma vuole blindare il giovane talento, dopo che ha rifiutato offerte importanti, prima fra tutte quella del Tottenham. C’è un retroscena da raccontare riguardo la visita della scorsa settimana di Vigorelli a Trigoria. L’agente di Zaniolo era accompagnato da un emissario inglese, David Dixon, che ha formulato l’offerta del Tottenham: 50 milioni più 10 di bonus facili. Al giocatore sarebbero andati cinque anni di contratto, con un ingaggio di 4 milioni a stagione più bonus. La Roma ha avuto la forza di dire di no.

È possibile che i Friedkin, dopo aver parlato con Fonseca, si facciano vivi con i giocatori più rappresentativi, tra questi naturalmente c’è anche Zaniolo. Il summit per rivedere il contratto dell’azzurro è stato già definito, a mercato chiuso sarà più chiaro quale sarà il budget della nuova società. Fienga ha già comunicato al ragazzo che sarà premiata la sua crescita. Il nuovo contratto sarà il modo per motivare Nicolò, per farlo sentire importante. Con Fonseca poi si è trovato benissimo, visto che il portoghese lo ha valorizzato portandolo a giocare più avanti. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa