Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Pedro e il recupero lampo: è già in campo per Fonseca

Ieri per la prima volta Pedro si è potuto allenare con i compagni, segno che il recupero dall’operazione alla spalla procede nel migliore dei modi.

Già quando aveva fatto la visita di controllo a Villa Stuart lo spagnolo aveva rassicurato che ci sarebbe stato per l’inizio della stagione. Da ieri ha raggiunto un traguardo in più: corre con i compagni, nei prossimi giorni aumenterà il lavoro in gruppo tra parte atletica e tattica. Il primo acquisto dell’era Friedkin sembra aver già conquistato tutto con la sua serenità, la personalità e anche con la voglia di imparare l’italiano.

I più giovani lo guardano con rispetto e persino un po’ di timore, nonostante sia un ragazzo disponibile. Per i più esperti, invece, è già un punto di riferimento. Nell’idea di FonsecaPedro sarà uno dei due dietro all’attaccante, altrimenti uno dei trequartisti esterni nel 4-2-3-1. All’occorrenza può giocare anche come punta centrale, ma in quel ruolo, tra gli altri, il tecnico gli preferisce Zaniolo.

Da Mkhitaryan e PedroFonseca si aspetta giocate e personalità. I due giocatori in questi giorni stanno parlando spesso, facilitati dall’esperienza in comune in Premier. L’armeno sta facendo un lavoro specifico per evitare di dover fare i conti con i tanti infortuni come lo scorso anno, lo spagnolo pensa a mettere benzina nelle gambe e a sistemare la spalla il prima possibile. La Gazzetta dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa