Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ecco Villar: un talento in crescita

Inizialmente è stato acquistato come giovane di prospettiva, per una Roma del futuro, ma adesso il club giallorosso è sempre più convinto che Gonzalo Villar possa rivelarsi una pedina preziosa anche per il presente

Il centrocampista spagnolo sta convincendo tutti, ma soprattutto Fonseca che già a gennaio lo ha voluto immediatamente in rosa per farlo crescere e inserirlo nello spogliatoio giallorosso in vista della nuova stagione. Ieri pomeriggio nei 45 minuti giocati nell’amichevole contro la Sambenedettese, Villar è stato il migliore tra i suoi: assist, velocità, lucidità e grande disinvoltura in un ruolo quasi inedito.

Utilizzato da trequartista, il ventiduenne ha dimostrato di essere cresciuto in questi mesi trascorsi nella Capitale. Nei tre gol segnati dalla Roma nel primo tempo, c’è sempre lo zampino dello spagnolo. Prima con l’assist per Perotti poi con una cavalcata dai trentacinque metri culminata con un perfetto appoggio a Mkhitaryan.

Insomma Fonseca sa che in caso di emergenza potrà contare anche sulle qualità dello spagnolo, sempre più a suo agio nei movimenti di squadra. E pensare che nelle 72 ore precedenti lo spagnolo era in campo.

Gonzalo giovedì sera è sceso in campo con l’Under 21 spagnola, nella gara di qualificazione agli Europei di categoria contro la Macedonia. Anche lì l’ex Elche ha dimostrato un’ottima condizione fisica e ha mostrato grandi capacità di inserimento. Cinquantasei minuti di grande livello, ereditando anche la fascia da capitano e indossando la maglia numero 10.

A Trigoria sono convinti di aver fatto un grande colpo acquistandolo per quattro milioni, lo sono anche i media spagnoli che dopo la prestazione in nazionale hanno criticato le big per averlo “regalato” ai giallorossi.

Qualcuno ha anche azzardato paragoni ingombranti Gonzalo sta bene con il 10. Quello di Totti. È un leader, è elegante ed ha tantissima qualità. Un trequartista classico“. Passo dopo passo potrà conquistarsi un ruolo importante nella Roma, magari in un futuro anche da trequartista. Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa