Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

De Rossi: la Roma mi manca sempre

L’ex capitano giallorosso protagonista a Soriano del Cimino

Daniele De Rossi è arrivato puntuale, mantenendo la promessa fatta agli organizzatori in epoca di lockdown. Ha fermato il traffico in piazza a Soriano del Cimino, lasciando la precedenza a un carro funebre seguito dai parenti del defunto. Uno striscione lo ha accolto nel popoloso paese della Tuscia, che da nove anni ricorda Pietro Calabrese con un premio che è sempre più importante “Da Ostia a Soriano Ddr è il nostro capitano“. De Rossi ha parlato del suo futuro, della Roma, dei suoi colleghi allenatori. Alla squadra che ha segnato la sua vita fa riferimento con garbo, senza invasione di campo: ” Ho scelto di fare l’allenatore, spero di avvere opportunità importanti. A Fredkin non voglio dare consigli, non voglio fare il dirigente. È un bene che si tengnano i piedi per terra senza fare promesse che non si possono mantenere in una piazza passionale e focosa come Roma. Meglio partire un po’ più calmi e poi stupire tutti. Totti alla Roma? Francesco l’ho sentito due giorni fa ma abbiamo parlato di altro“.

Si era parlato della Fiorentina, priama della conferma di Iachini: “Alla Fiorentina andrei a piedi, come tutti. Qualsiasi squadra di Serie A rappresenterebbe una partenza con i fiocchi. Tanti calciatori importanti non sono arrivati negli anni, mentre altri ai quali non davi una lira hanno fatto molto bene, come ad esempio Simone Inzaghi. Poi Gattuso. Rino mi ha sorpreso anche nella capacità di proporre calcio“. Tra gli ex compagni incorona Andrea Pirlo: “Da calciatore aveva una visione diversa dagli altri, probabilmente ce l’avrà anche da allenatore. La Juventus ha aspettative elevate, ma se c’era una persona giusta per la panchina bianconera si tratta proprio di lui. Ha giusti attributi, sa prendersi le sue responsabilità, con l’obiettivo di vincere”. Lo riporta “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa