Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fiducia, rinnovo e via la clausola. Pellegrini al centro del progetto

Il numero 7 giallorosso al centro della Roma del futuro

Lorenzo Pellegrini è alla vigilia di una stagione importante, fondamentale, quella del dentro o fuori. Non soltanto perché terminerà con l’Europeo, che il vice capitano della Roma non vede l’ora di giocare, ma anche, se non soprattutto, perché dovrà essere quella della consacrazione in giallorosso. Una consacrazione economica – il nuovo contratto da tre milioni più bonus arriverà -, ma anche tecnica. Con l’infortunio di Zaniolo e la sua assenza, almeno fino alla primavera inoltrata, la Roma si aspetta che Pellegrini, al quarto anno a Trigoria da quando è tornato dal Sassuolo, completi quella crescita che sembrava cosa fatta fino a gennaio dello scorso anno e invece, poi, si è improvvisamente fermata.

Se, come sembra, Fonseca dovesse continuare con il 3-4-2-1, Pellegrini potrebbe agire o nei due dietro la punta, nel ruolo che gli piace di più, o come centrocampista centrale davanti la difesa. Ha dato la disponibilità all’allenatore per entrambi i ruoli e Fonseca gli ha chiesto, e gli chiederà, di avere più coraggio nelle giocate, prendendo in mano la squadra nei momenti più delicati. L’intenzione della Roma e del ragazzo è quella di ridiscutere l’attuale accordo da 2 milioni che scade nel 2022 e ha una clausola da 30 milioni al suo interno. Considerando che Pellegrini chiede uno stipendio da almeno 3 milioni più bonus e la Roma vorrebbe togliere la clausola, la trattativa non sarà semplice. Ma tutte le parti in causa vogliono arrivare alla fumata bianca. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa