Resta in contatto

Rassegna Stampa

Olimpico, Lotito ottiene lo sconto. Ora tocca a Friedkin

Stadi

Prossimamente toccherà a Friedkin

Non c’è voce di bilancio che sfugga a Claudio Lotito. Non è certo passata inosservata quella relativa agli “oneri per la concessione in uso dello Stadio Olimpico, e delle strutture commerciali annesse”, per una cifra che si aggira tra i tre e i quattro milioni di euro. L’ultima stagione è stata condizionata dal Covid e dall’obbligo di giocare a porte chiuse. Per l’esattezza 5 gare delle ultime 12 la Lazio le ha giocate in casa senza i suoi tifosi, ed è per questo che ieri Lotito ha trattato e ottenuto uno sconto da Sport e Salute che gestisce l’impianto. Inizialmente aveva convinto la Roma a partecipare alla stessa riunione per avere più forza nella trattativa, ma alla fine si è deciso di farne due separate dato che la società giallorossa ha ancora un anno di contratto.

Lotito chiedeva uno sconto di 900 mila euro sul canone d’affitto pregresso, Sport e Salute invece proponeva una cifra molto più bassa partendo dal presupposto che la maggior parte delle partite si sono giocate con la presenza del pubblico. Dopo un lungo braccio di ferro si è arrivati ad una cifra che si aggira intorno ai 300 mila euro. La prossima settimana sarà il turno anche della Roma. Sarà il neo presidente Friedkin in persona a recarsi all’Olimpico per conoscere la struttura, incontrare Cozzoli, presidente di Sport e Salute che materialmente la gestisce l’impianto e “trattare” anche lui uno sconto sulla stagione appena terminata. Lo scrive “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa