Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Giallo Dzeko, Fonseca lo porta a Verona

Dzeko vola a Verona con la squadra

Fonseca ha convocato Edin Dzeko per Verona-Roma,ma avrà davvero il coraggio di farlo giocare? Oppure è solo una mossa strategica negli intrecci di mercato che devono portare Milik in giallorosso? La prima della nuova proprietà è tutta una domanda e quella sul centravanti in partenza per la Juve è solo la prima. Chi giocherà in porta: Mirante (favoritissimo) o Pau Lopez che ha perso la fiducia? Il nuovo arrivo Kumbulla è già pronto o in difesa ci sarà Cristante? E i giallorossi, in attesa di Milik, debutteranno senza attaccanti, con Mkhitaryan “falso nueve” e Pellegrini e Carles Perez trequartisti? La consolazione per i giallorossi è che anche il Verona sembra molto in ritardo, almeno ascoltando il suo allenatore Ivan Juric.

Prendere o lasciare, questo è il calcio moderno: si comincia il campionato con squadre ancora da completare e si chiede spettacolo a chi non ha potuto nemmeno allenarsi. È una Serie A prigioniera del mercato allungato fino al 5 ottobre, aperto a chissà quali sorprese. Karsdorp, ad esempio, era già stato venduto: è rimasto per gli intrighi dei procuratori e stasera giocherà titolare. Fonseca continua a chiamare Smalling e lo dà in arrivo, mettendo in difficoltà anche i suoi dirigenti che non hanno gradito l’ottimismo su una trattativa ancora tutta in salita perché lo United non arretra di una sterlina. Lo riporta “Il Corriere della Sera”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa