Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Ritorno al passato. La mossa di Fonseca per segnare di più

Fonseca rimodula la Roma con la difesa a 4

Anche in questo inizio di stagione Fonseca si sta dimostrando molto duttile con i moduli di gioco. Ha plasmato la sua Roma con due vestiti diversi: quello elegante del 4-2-3-1 e quello più essenziale col 3-4-2-1. Contro il Benevento il tecnico è tornato al modulo che più adora. Poteva essere anche un 4-3-3 con Pellegrini che si abbassava andando a formare il triangolo a centrocampo, ma poi, alzandosi, si andava a piazzare alle spalle di Dzeko. Si è tornati con la difesa a 4 soprattutto per riavvicinare Pellegrini all’attaccante bosniaco e creare maggiori occasioni in attacco. Con questo modulo la Roma ha un giocatore in più davanti con la possibilità di poter godere degli inserimenti da dietro di Veretout o della spinta di Spinazzola. La Roma ha rischiato eccome concedendo alla squadra di Inzaghi 10 tiri.

Il ritorno alla difesa a 4 ha aumentato il peso offensivo, ma ha anche tolto equilibrio.Con il ritorno di Smalling la Roma troverà anche il suo ammiraglio capace di guidare e dare solidità. Con i due diversi moduli ci sono giocatori che cambiano profondamente il loro modo di giocare e tre questi c’è Pellegrini. Con la difesa a tre è il regista, con quella a quattro avanza di 25-30 metri tornando dietro la punta. Anche i terzini con Santon e Spinazzola a tre coprono tutta la fascia. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa