Resta in contatto

Rassegna Stampa

Roma, cambio di marcia

Buona la prima per i giallorossi

La Roma vince in rimonta anche in Europa League e Fonseca centra il terzo successo consecutivo. Ai giallorossi è bastato inserire i big nel secondo tempo e ribadire il ruolo di favorita nel girone. Iniezione di fiducia in vista del crash test contro il Milan di lunedì sera. Due gol in 4 minuti di due difensori: Peres e Kumbulla. Fondametali gli assist di Dzeko e Mkhitaryan entrati nella ripresa. Nel primo tempo, però, la Roma ha concesso un po’ troppo allo Young Boys. Fonseca ha ecceduto nel turnover e rispetto a domenica i cambi sono stati addirittura nove. Si è tornati al 3-4-2-1 e il portoghese ha rispolverato anche Fazio e Jesus. L’argentino aveva giocato da titolare l’ultima contro la Juventus a fine campionato scorso, il brasiliano non giocava dal 19 settembre del 2019 contro il Basaksehir.

Gli svizzeri si sono messi a specchio e si sono affidati alla stellina Rieder che è stato spesso pericoloso con degli inserimenti, procurandosi anche il rigore del vantaggio. Restano molti dubbi sull’assegnazione. Il massiccio turnover ha cambiato gli automatismi giallorossi, è mancata la spinta degli esterni e gli svizzeri non hanno lasciato spazio tra i reparti difendendosi con ordine. Nella ripresa sono bastati i cambi dopo 15 minuti e da lì è stata tutt’altra storia. Dzeko ha fatto un grande lavoro e al 24esimo ha imbucato per il pareggio di Peres. Quattro minuti dopo pennellata di Mkhitaryan per il colpo di testa di Kumbulla. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa