Resta in contatto

Rassegna Stampa

Kumbulla e Ibanez, 41 anni in due per fermare Ibrahimovic

Toccherà a loro fermare il fuoriclasse svedese

Stregati da Kumbulla. Il difensore in pochi giorni ha esordito in Nazionale e ha debuttato in Europa League con il gol che ha permesso alla Roma di vincere. Considerate le assenze di Mancini e Smalling ci sarà ancora bisogno di lui lunedì a Milano. È stato l’acquisto più costoso della campagna acquisti giallorossa, la società ha investito sul difensore anche per il futuro. Marash a Roma è felice, si è ambientato in fretta, ha fatto amicizia soprattutto con i compagni più giovani. È stato acquistato a settembre, è andato in panchina nella prima proprio nella “sua” Verona, ma ha già dimostrato a Fonseca che può meritare un posto da titolare in una grande squadra come la Roma.

È poi il primo calciatore nato nel 2000 ad essere stato schierato dalla Roma nelle competizioni europee, ha dimostrato maturità, sicurezza, personalità. Smalling non ce la farà, Mancini out per Covid. Per fermare Ibrahimovic Fonseca si affida a due giovani centrali, Kumbulla e Ibanez hanno 41 anni in due, a Milano cercheranno di non far rimpiangere Mancini e Smalling. Finora l’albanese ha saltato solo l’esordio col Verona. Con lui in campo la Roma ha subito 4 gol. Nei 205 minuti in cui è rimasto in campo, Kumbulla ha giocato 153 palloni, con 113 passaggi riusciti. Insomma Marash ha dimostrato di essere affidabile anche in fase di impostazione. Era stato corteggiato a lungo dalla Lazio, ma quando è spuntata la Roma non ha avuto dubbi. Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa