Resta in contatto

Rassegna Stampa

Fallita l’Opa. Friedkin vara il nuovo piano

La proprietà giallorossa valuta le alternative

Al Gruppo Friedkin toccherà rivedere i propri piani sul futuro della Roma. Dopo che non è andata a buon fine l’Opa sul flottante, i nuovi proprietari della società giallorossa si “riservano di valutare se procedere o meno con il delisting”, un passaggio del documento che accompagnava l’offerta pubblica d’acquisto. Le strade in mano ai texani sono due e riguardano l’aumento di capitale e in seconda battuta un’eventuale fusione per incorporazione del club in un’altra società non quotata del gruppo facente capo a Dan Friedkin, a condizione che “tale operazione non comporti un esborso complessivo superiore a quello che verrebbe pagato nel contesto del delisting conseguente all’Opa”, ovvero 9.834.205,95 euro.

La situazione sarà più chiara dopo l’assemblea degli azionisti che si terrà il 9 dicembre: sarà chiamata ad approvare il bilancio chiuso al 30 giugno con una perdita di 204 milioni e ad approvare l’incremento a 210 milioni dell’ammontare massimo dell’aumento di capitale. I legali dei Friedkin dovranno ora ripresentare – sarà necessario prima l’ok del cda – alla Consob il prospetto informativo sull’aumento di capitale, un documento che era stato ritirato nei primi giorni di agosto da Pallotta per velocizzare i tempi della cessione. Una volta che arriverà l’ok della Commissione guidata da Savona, l’aumento sarà collocato in Borsa e i piccoli azionisti decideranno se sottoscriverlo con un esborso previsto per azione che sarebbe pari a 0,33 euro. Lo scrive “Il Tempo”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa