Resta in contatto

Rassegna Stampa

La Roma tiene 70 minuti ma poi si arrende su rigore

Altra beffa per le giallorosse di mister Bavagnoli

Un altro match equilibrato che si chiude con l’amaro in bocca. La Roma Femminile incassa i complimenti ma torna a casa senza punti dalla trasferta in casa del Milan: decide un rigore trasformato da Valentina Giacinti a 20′ dalla fine. Le giallorosse si sono ritrovate in dieci nella ripresa dopo un disastro combinato da Giugliano e Rachele Baldi, espulsa in seguito ad un pasticcio sulla battuta di una rimessa da fondo. Nel primo tempo, la Roma si era resa pericolosa con le solite discese di Serturini, in uno straordinario momento di forma. La chance principale era arrivata in coda, con un destro di Giugliano di poco a lato. Una volta in inferiorità numerica, Bavagnoli ha dovuto richiamare in panchina Serturini per inserire Pipitone tra i pali, non potendo neanche contare su Ceasar, fermata per l’esito dubbio di un tampone rapido prima della partenza per Milano.

Una beffa doppia, visto che il test molecolare era poi risultato negativo. Al 7o’ il rigore per un contatto tra Soffia e Giacinti: l’attaccante rossonera non ha tremato dal dischetto, trovando la rete che vale il + 9 sulla Roma in classifica. Betty Bavagnoli non cerca alibi: “Le prestazioni arrivano, migliorano, ma non arriva la vittoria. Sicuramente dobbiamo essere più ciniche e cattive e ce lo diciamo da troppo tempo. La partita l’abbiamo interpretata e preparata molto bene, poi gli episodi fanno la differenza ma non commento nulla delle decisioni arbitrali. Devo comunque fare i complimenti alle ragazze per la partita che hanno fatto, anche in 10. Usciamo a testa alta.” Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa