Resta in contatto

Prima Squadra

Amra Dzeko: “Futuro? Io e Edin adoriamo Roma”

“Un onore essere coinvolta nella campagna ‘Amami e basta’, ho aderito volentieri”

Ai microfoni di Sky Sport è intervenuta in collegamento Amra Dzeko, moglie del capitano giallorosso, per parlare della campagna “Amami e basta”, lanciata da Roma Cares e Roma capitale e a cui hanno partecipato le mogli e compagne dei giocatori della Roma, contro la violenza di genere: “Invece di fare il calendario con i giocatori, abbiamo fatto quello contro la violenza sulle donne”, le sue parole.

Sei impegnata in generale nella beneficenza. C’è stata una chat con le altre mogli e compagne?
“Sì, abbiamo parlato ed ognuna ha avuto delle idee. Un onore che Roma Cares ci ha coinvolto. Abbiamo deciso di fare questo calendario con 12 mogli, in 12 località diverse della città e in 12 giorni differenti. Siamo diventate amiche. Personalmente sono impegnata, soprattutto negli ultimi anni, in Bosnia Erzegovina e lavoro con un’associazione che si occupa di problemi oncologici. Ho aderito volentieri a questa attività: per me è un grande piacere e un dovere, essendo mamma di tre bambine e di un bambino che sarà uomo”.

Come avete vissuto la positività al Covid-19 di Edin Dzeko?
“Si è isolato. Per i bambini, anche vedendolo così vicino, è stato difficile non poter andare lì. Anche noi siamo rimasti in quarantena. L’importante è che è stato bene, ha avuto pochi sintomi solo nei primi giorni. Anche se è stato un momento brutto, non possiamo lamentarci”.

Spesso le mogli incidono sul futuro dei giocatori. Le tue parole fanno sperare che Dzeko possa rimanere alla Roma…
“Noi adoriamo Roma, non lo nascondiamo mai. Roma è diventata la nostra seconda casa”.

3 Commenti
Subscribe
Notificami
guest

3 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra