Resta in contatto

Rassegna Stampa

Dal gol al rinnovo: Calafiori firma

Trovato l’accordo per prolungare il contratto fino al 2025

Riccardo Calafiori ha fatto centro alla terza partita in prima squadra, il debutto assoluto nello stadio che per ora resta vuoto ma diventerà una seconda casa negli anni a venire: insieme alla serata da sogno in Europa arriva infatti la notizia dell’accordo raggiunto con la Roma per prolungare il contratto attualmente in scadenza nel 2022. Manca solo la firma sul rinnovo triennale, che farà scattare da subito l’adeguamento dello stipendio e dovrebbe prevedere l’opzione per essere prolungato fino al 2025.

Il suo agente Raiola chiedeva un ingaggio da 1,2 milioni netti, quelli che gli aveva promesso la Juventus. La società giallorossa ne ha offerti 500mila, alla fine si è trovato un punto d’incontro che soddisfa tutti, col placet di Ryan Friedkin che ha iniziato a seguire le varie trattative sui rinnovi dei giovani al fianco di Morgan De Sanctis, aspettando Tiago Pinto a gennaio. Ha scelto il numero 61 che sarebbe il 16 di Daniele De Rossi “al contrario”. Nella Roma può giocarne tante. E Mancini, che non si fa problemi a lanciare in anticipo i giovani, lo seguirà certamente in vista dell’Europeo. Prima c’è il torneo Under 21, tra marzo e inizio giugno, un obiettivo alla portata. Ma dopo tanta sofferenza, è giusto sognare in grande. Lo scrive Il Tempo.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa