Resta in contatto

Rassegna Stampa

I limiti di Fonseca preoccupano

La sconfitta di Bergamo ha evidenziato diverse criticità

Quella vista a Bergamo è purtroppo la Roma di Fonseca: ha ottimi giocatori, grande proprietà di palleggio, ma poco ordine, poca resistenza e, quindi si predispone a perdere, soccombe. L’allenatore è lento e poco capace ad intervenire a gioco in corso. Perchè abbia riportato Pellegrini in mediana dopo aver visto che agisce meglio da trequartista, non si capisce. Inoltre è lento nei cambi, fosse per lui non li farebbe mai.

Anche Di Francesco garantiva più grinta, più continuità e una durata fisica di 90 minuti. Oggi Eusebio tornerà all’Olimpico e bisognerà fare molta attenzone. Fonseca a Bergamo se l’è presa con la squadra, altro brutto segno perché questi giocatori gli hanno dato più di quanto hanno avuto da lui. Lo scrive Paolo Liguori su “Il Messaggero”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa