Resta in contatto

Rassegna Stampa

Brivido finale ma è una vittoria da terzo posto

Una Roma dalle tre facce non perde l’occasione di chiudere il 2020 sopra la Juventus, da terza in classifica

Dopo la sconfitta di Bergamo, è arrivato successo il successo casalingo contro il Cagliari dell’ex Di Francesco (3-2), che vuol dire fermarsi per la sosta natalizia in piena zona Champions. Un sospiro di sollievo per i romanisti, visto che sembrava destinata a ripetersi la stessa trama della partita vista con l’Atalanta. Invece i giallorossi stavolta non si sciolgono del tutto dopo l’intervallo, riuscendo a mantenere i nervi saldi dopo il pareggio del Cagliari e il rigore che ha fatto vivere col brivido gli ultimi minuti di gioco.

E così risulta decisivo il settimo gol stagionale di Veretout.  Gol numero 113, poi, per Dzeko. L’attaccante, fino alla rete, non riusciva a brillare e ad essere incisivo, ma la sua media realizzativa continua ad essere pazzesca visto che consolida il terzo posto solitario nella classifica dei marcatori giallorossi di sempre, avvicinandosi al secondo posto, dove c’è Pruzzo a quota 138. La terza rete porta la firma di Mancini, al suo primo centro stagionale. Il  «rompete le righe» è arrivato al fischio finale della gara col Cagliari, con i calciatori che si ritroveranno a Trigoria il 29 dicembre per la ripresa degli allenamenti. La Repubblica.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa