Resta in contatto

Rassegna Stampa

Calafiori spinge per un’altra chance

Calafiori

Il gol, il contratto. E poi? L’esclusione. Riccardo Calafiori ha vissuto un dicembre altalenante, ha coronato due sogni in uno: segnare con la Roma in Europa League e firmare il primo accordo da calciatore professionista

Ma presto ha scoperto quando possa essere difficile affermarsi in una squadra ambiziosa. Nonostante l’infortunio di SpinazzolaFonseca ha preferito spostare Bruno Peres a sinistra piuttosto che lanciarlo nei titolari contro il Cagliari, poiché non aveva gradito l’atteggiamento di Calafiori nel finale del match contro il Torino, tanto che anche a Bergamo, nell’emergenza, è entrato Bruno Peres.

Il tempo è tutto dalla sua parte però, perché a 18 anni può pazientare un po’ prima di avere nuove occasioni. “Bisogna ricordare che Calafiori è un ragazzo giovane – ha dichiarato Fonseca- crediamo in lui per il futuro della società. Deve migliorare, come è normale alla sua età. Farlo sentire il migliore del mondo non lo aiuta a maturare“.

Calafiori si sta allenando forte e spera di essere considerato anche alla ripresa del campionato, il 3 gennaio contro la Sampdoria. Intanto emergono dettagli sul contratto firmato: ha firmato fino al 2025 per 400.000 netti più bonus legati alle presenze, al rendimento e ai risultati, con i quali potrebbe raggiungere anche gli 800.000 euro. Il Corriere dello Sport.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa