Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Prima Squadra

Dzeko: “La squadra può migliorare a gennaio. Futuro? Resto qui”

“Nel secondo tempo dovevamo spingere di più e l’abbiamo fatto, tutta la squadra. Siamo stati più aggressivi e non li abbiamo lasciati giocare”

Edin Dzeko, autore del gol vittoria contro la Sampdoria, ha parlato a DAZN al termine della gara dell’Olimpico.

Un po’ di numeri, 85 gol in Serie A, tre volte consecutive in gol. Niente male per una stagione che era iniziata personalmente con alcune difficoltà…
“Sì, speriamo di continuare così. La squadra ha fatto bene, soprattutto oggi che era difficile con questo tempo, mi sembra che ogni volta che giochiamo contro la Samp in casa piove in maniera incredibile. Però abbiamo giocato bene dal primo fino all’ultimo minuto”.

Difficile con il campo molto pesante e l’avversario che vi è stato addosso. Siete partiti forse con più calma rispetto al solito e siete invece esplosi nel secondo tempo…
“Magari ci siamo riscaldati più tardi, nel secondo tempo. Penso che anche nel primo tempo abbiamo avuto sempre la palla, non abbiamo lasciato niente dietro. Nel secondo tempo dovevamo spingere di più e l’abbiamo fatto, tutta la squadra. Siamo stati più aggressivi e non li abbiamo lasciati giocare. Abbiamo avuto qualche occasione e poi ho fatto il gol, che ci porta tre punti”.

Un gol bellissimo sul primo palo, che ultimamente non è la tua specialità…
“L’ho detto nel primo tempo a Karsdorp che già 2-3 volte era andato sul primo palo. Gli ho detto di mettermi la palla lì sul primo e lui me l’ha messa benissimo, non era facile, ma ci porta 3 punti e siamo contenti di iniziare quest’anno così bene”.

Pellegrini torna ad occupare il posto di trequartista, tu preferisci averlo un po’ più vicino a te?
“Non importa chi gioca davanti, mi capisco molto bene sia con lui che con Pedro, ma anche altri giocatori come Mkhitaryan e Carles Perez. Alla fine l’importante è che la squadra faccia bene e vinca le partite. Se gioca uno, la volta dopo gioca un altro, abbiamo molti giocatori forti e il mister può cambiare. Possiamo migliorare ancora”.

Fienga ha parlato di una Roma già forte, indipendentemente dalle operazioni di mercato. La Roma è più matura rispetto all’anno scorso?
“Sì, ma siamo a metà stagione. Sicuramente il terzo posto ci da fiducia, anche la partita di oggi. La squadra può migliorarsi sempre, gennaio è un mese difficile per trovare nuovi giocatori ma si può fare, la squadra si può migliorare anche a gennaio..”.

Con te basta tormentoni, vai, resti, vai…
“Sto qui”.

Il numero 9 giallorosso, poi, ha commentato la vittoria anche ai microfoni di Roma TV.

Non era facile spuntarla…
“Sì, soprattutto perché contro la Samp è sempre una partita difficile e fisica. Il campo era pesante ma la squadra ha fatto benissimo”.

Dove deve migliorare la Roma? E dove l’hai vista migliorata?
“In tutto, oggi anche dietro abbiamo fatto una grande partita, non abbiamo lasciato quasi niente e non abbiamo preso gol che è sempre importante per la fiducia della squadra. Nel secondo tempo abbiamo fatto anche molto meglio del primo, ultimamente non era stato così e anche questo ci fa vedere che siamo pronti”.

7 gol in Serie A in stagione, sei sempre più leader…
“E’ il sesto anno che sono qui, sono uno dei più vecchi e cerco sempre di dare una mano alla squadra dando il 100%. Oggi è arrivato anche il gol da tre punti: sono contento per me ma anche per la squadra che porta i tre punti a casa”.

La Roma continua a viaggiare senza pensare alla classifica?
“La cosa più importante è pensare così: gara dopo gara, poi ci concentriamo sul Crotone, ci aspetta una partita difficile. Recuperiamo bene poi andremo lì a dare il massimo”.

1 Commento
Subscribe
Notificami
guest

1 Commento
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Prima Squadra