Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Fienga: «Il 2021? Intanto ci ridia il punto di Verona»

Le parole del CEO giallorosso

La Roma ci crede, il terzo posto non è più un’illusione, anche perché i dirigenti sperano nel ricorso al Coni per riavere il punto di Verona. Ieri ne ha parlato l’amministratore delegato Guido Fienga: «Dal 2021 mi aspetto in primis il punto di Verona: mi auguro che questo sia il primo regalo che questo anno può farci. Spero che il 2021 sia, lo dico soprattutto per i tifosi, più semplice del 2020, per noi che dobbiamo gestire il club e con più soddisfazioni. La squadra, a nostro modo di vedere, è già forte: se si convince delle proprie qualità, sicuramente farà bene e sarà molto più facile inserire i nuovi innesti che porteremo. il 2021 deve essere l’anno della consapevolezza, speriamo di partire con un segnale di equità e di giustizia con la restituzione del punto di Verona, che ancora ci brucia un po‘».

Nei prossimi giorni arriverà anche Tiago Pinto, che sta già lavorando per la Roma: «Siamo molto contenti che si sia unito alla nostra struttura. Lui è il dg dell’area sportiva, che contempla anche De Sanctis, nel ruolo più specifico di direttore. Tiago è una persona che ha la capacità e la professionalità di lavorare in gruppo che certamente esalterà tutte le risorse che ci sono oggi a Trigoria. Siamo molto momenti del suo arrivo, siamo già al lavoro con lui, anche se in questo momento in videocall». Lo scrive “Il Corriere dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa