Resta in contatto
Sito appartenente al Network

Rassegna Stampa

Tiago Pinto, una Roma alla portoghese: “C’è feeling coi Friedkin”

Il general manager è sbarcato a Roma

Se è vero che il calcio rende tutti un po’ bambini, allora è possibile che la laurea in Pedagogia, orgogliosamente conseguita, potrà essere assai utile a Tiago Pinto. Il nuovo general manager della Roma, sbarcato ieri nel primo pomeriggio per cominciare la sua avventura in giallorosso, è entrato in un mondo nuovo, totalmente diverso rispetto alla realtà esigente, ma stabilmente di vertice, rappresentata dal Benfica. Non è un caso che pochi giorni fa abbia detto: «Mi hanno cercato per quello che ho fatto qui al Benfica. Ci siamo parlati e abbiamo la stessa idea di lavoro con i proprietari del club. Andrò lì per modernizzare il settore sportivo. Quando arriverò capirò il lavoro da fare e la struttura in cui sono arrivato»

Adesso però occorrerà mettersi al lavoro subito, visto che il nuovo general manager è arrivato proprio il giorno dell’apertura del mercato, e di questo ha parlato ieri nel primo incontro con la proprietà. D’altronde, in questi giorni Pinto dovrà dividersi tra il lavoro e l’ambientamento nella nuova realtà, tant’è vero che non è neppure sicuro che il dirigente parta oggi con la squadra per Crotone. Possibile che il suo primo vero approccio «dal vivo» con la squadra sia domenica all’Olimpico contro l’Inter. Lo scrive “La Gazzetta dello Sport”.

Lascia un commento
Subscribe
Notificami
guest

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Advertisement

I MITI GIALLOROSSI

L'indimenticabile Ago. Romano e romanista, capitano e campione

Agostino Di Bartolomei

Il "Pluto" dei romanisti. Campione d'Italia nel 2001

Aldair

“Di Bruno solo uno e viene da Nettuno”

Bruno Conti

E' stato il ragazzo della Curva Sud in campo con la sua seconda pelle

Daniele De Rossi

Il bambino che diventò uomo, poi Capitano ed infine leggenda

Francesco Totti

IL GIOVANE CHE DIVENNE "PRINCIPE", NON AZZURRO MA GIALLOROSSO. PER SEMPRE

Giuseppe Giannini

Il "Divino" giallorosso, campione d'Italia nel 1983

Paulo Roberto Falcao

IL TEDESCO CHE VOLAVA SOTTO LA CURVA SUD

Rudi Voeller

SI PUÒ DIVENTARE UN’ICONA GIALLOROSSA SENZA ESSER NATI A ROMA. PICCHIA DURO, SEBINO!

Sebino Nela

Advertisement

Altro da Rassegna Stampa